www.aresini.it

 

 

 

HOME

 

ULTIME NOVITA': GARBAGNATE IN CAMBIO DI 11.000

PARCHEGGI  EXPO CHIEDE LA REALIZZAZIONE

DELLA SUA "TANGENZIALE" PER PORTARE IL

TRAFFICO FUORI DAL CENTRO ABITATO.

 

 

(29/05/2014) Questo non è un casello autostradale ma l'ingresso dei parcheggi remoti allo studio presso l'ex area Alfa Romeo di Arese. Parcheggi in grado di ospitare oltre 11.000 auto, ossia la metà delle auto previste per il più grande evento che interesserà il nostro Paese nei prossimi anni.

 

Il tutto occuperà un superficie di oltre 370 mila metri quadrati

 

Per chi non avesse ancora chiara la dimensione di questo intervento (in parte sul territorio di Arese) ecco un  rendering dell'area del parcheggio  vista da Garbagnate. Sulla sinistra trovate via Alfa Romeo e quindi Arese. 

 

Qui una mappa della zona per rendere perfettamente l'idea delle dimensioni del più grande parcheggio a servizio di EXPO. In giallo i confini territoriali del comune di Arese e Garbagnate,

 

 

 I capannoni oggi esistenti con le coperture in eternit saranno abbattuti e l'area bonificata.

 

COSA CHIEDE IL COMUNE DI GARBAGNATE?!

 

Il comune di Garbagnate (su cui si trova una parte del parcheggi) in cambio di questo intervento ottiene la realizzazione dell'ultimo tratto (tratto rosso) della c.d. tangenzialina di Garbagnate.

 

Una ulteriore considerazione: quella strada si trova in gran parte sul Territorio del Comune di Lainate e attraversa una zona Verde.  A volte, basta la collaborazione tra comuni al fine di tutelare l'interesse di tutti i cittadini. 

 

Ossia una strada in grado di deviare il traffico dalla varesina (all'altezza del bricoman) e quindi dal centro abitato del comune per portarlo a ridosso dell'area del centro commerciale ex alfa Romeo. (il primo tratto in nero è parte della fase 1 di viabilità prevista dall'accordo di programma per la realizzazione del centro commerciale)

 

 

 

Di riflesso le auto dei pendolari di tutto il quadrante nord di milano che ogni mattina si dirigono verso Milano percorrendo la Ex Statale Varesina all'altezza del Bricoman troveranno un'alternativa: o proseguire tra tanti semafori collocati sul tratto urbano della Varesina o percorrere una rapida strada esterna al centro abitato.  Garbagnate potrà disincentivare l'attraversamento del centro abitato tramite l'intervento sui tempi di percorrenza della varesina nel tratto urbano agendo anche sui semafori presenti e collocati da anni dalla sua amministrazione comunale.

 

Ovviamente, una volta che le auto arriveranno nella zona del nuovo centro commerciale (ossia sopra Arese) i pendolari diretti a Metropolitana avranno due alternative: ritornare verso la varesina (Con l'imbuto della rotonda dell'esselunga) o percorrere la Fluidificata Arese (senza semafori, con tutte rotonde, doppia corsia ecc) in direzione Mazzo e quindi MM e passante Ferroviario.

 

Qui sotto il nostro primo volantino (novembre 2013) dove si presentava chiaramente questo scenario e per il quale siamo stati accusati di fare "falsa informazione" da chi preferiva non guardare la logica ed i documenti. In alto a sx nel volantino trovate appunto la "tangenziale di Garbagnate".

 

 

COSA CHIEDE IL COMUNE DI ARESE?!

 

Non lo sappiamo. A dire il vero sul sito del Comune non esiste alcuna informazione in merito al parcheggio EXPO.

 

Forse sarebbe il caso che incominciasse a chiedere la realizzazione di percorsi esterni seri e non utilizzare i soldi della FASE II della VIABILITA' dell'adp per fluidificare le nostre strade ed assorbire con le stesse il traffico di attraversamento (come indicato nel progetto che viene portato avanti dal Sindaco Palestra)

 

Del resto, ormai è una certezza.

Tutti i comuni portano il traffico fuori dal centro abitato.

Tutti tranne uno: il Comune di Arese !!

 

Una curiosità, in questi mesi abbiamo ribadito che le strade cittadine possono essere modificate riconsegnando verde e spazio a chi ad Arese ci vive (ai pedoni, alle bici) e non alle auto o ad un'inutile corsia preferenziale interrotta ovunque e non collegata a nessun'altra corsia presente al di fuori di Arese.

 

Alcuni hanno sostenuto che le strade non possono essere ristrette in quanto questo provocherebbe un aumento della congestione del traffico. Come abbiamo già avuto modo di ricordare la variante Varesina (tangenziale di Ospiate di Bollate) avrà una sola corsia per senso di marcia di dimensione di 3 metri e 50, nessuno spartitraffico centrale e nessuna corsia preferenziale.  Oggi aggiungiamo anche questo ulteriore dato. La tangenziale di Garbagnate avrà anch'essa una sola corsia per senso di marcia, nessuno spartitraffico e nessuna corsia preferenziale.

 

 

 

Quindi non si comprende il motivo per cui ad Arese non si possono fare strade a una sola corsia per senso di marcia (possibili per le extraurbane secondarie) recuperando spazio per reali piste ciclabili immerse nel verde dove passeggiare con le nostre famiglie seguendo il modello che noi chiamiamo "Arese" di viale dei Platani e Via Gran Paradiso.

 

COSA ACCADRA' A QUELL'AREA PARCHEGGI DOPO EXPO?

 

Secondo voi un imprenditore che ha acquistato quell'area, la lascerà come monumento a ricordo di EXPO o cercherà giustamente di metterla a reddito?  Cosa chiedereste voi nei suoi panni in questo momento di forte potere contrattuale?

A- Area Verde.

B- Area Industriale (come oggi è qualificata)

C- Area Residenziale

D- Area Commerciale

 

Se la risposta non è la A e la B, allora ricordatevi che stiamo parlando di questa immensa area.

 

 

Cosa emerge dai nuovi documenti relativi al

Parcheggio EXPO in relazione alla nostra Salute?

 

Da una tavola allegata ai documenti di studio risultano i dati preoccupanti della centralina ARPA di Arese (dati da noi sempre citati e ricordati inutilmente al Sindaco).

 

Facciamo notare un particolare sul Pm10 : i giorni di superamento del limite di protezione umana, secondo la norma devono essere al massimo 35 giorni all'anno con superamento del valore di 50  ad Arese sono oltre 90 (più del doppio del limite fissato dal legislatore!!)

la media annua dovrebbe essere al di sotto di 40 ad Arese abbiamo una media del 41,89 nel 2011

 

 

 

Cosa accadrà su questi valori già oltre i limiti ?! 

 

Un aumento del pm10 del 4,28% su 180 gg.

 

Considerati tuttavia come "ragionevoli". 

 

Certo, intanto la salute è la nostra !!!!

 

-----------------

Ci domandiamo infine il motivo per cui nessuno dell'amministrazione di Arese senta l'esigenza di informare i cittadini e perché questi dati li potete trovare su www.aresini.it e non sul sito del comune di Arese.   

 

 

 

- Ci sono momenti in cui occorre mettere da parte differenza, individualità o appartenenze politiche per informare la cittadinanza. E questo è il momento -