www.aresini.it

 

 

 

HOME

 

 

MODIFICA DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA?

 

LA PRIMA CONDIZIONE: LA METROTRANVIA

 

(con finanziamenti , con progetto e con indicazioni dei tempi di realizzazione)

 

LA PROPOSTA DI PASSAPAROLA:

UNA CONDIZIONE IRRINUNCIABILE PER  QUALSIASI VARIAZIONE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA.

(20/02/2017) Un servizio moderno su rotaia in grado di collegare Arese, l’area ex Alfa Romeo con la stazione MM Rho Fiera e con la stazione FS di Garbagnate.

Un servizio ecologico in grado di mettere in collegamento i Comuni di Lainate, Arese, Garbagnate con il potenziale dell’area Ex EXPO.

Un sistema di trasporto al servizio di intere generazioni.

Per queste ragioni come Passaparola chiediamo che il finanziamento e la realizzazione della “metrotranvia” (o metropolitana leggera) siano poste come prima condizione per discutere ogni modifica all’accordo di programma ex Alfa-Romeo.

L’ operatore privato vuole costruire una pista da sci al coperto?
vuole ampliare il Centro Commerciale più grande e bello d’Europa ? vuole costruire un punto vendita Ikea e realizzare altre strutture commerciali, ricreative ed altro?

Bene, sia messo nero su bianco che in mancanza del finanziamento e della realizzazione di questo servizio di trasporto il nostro Comune non prenderà in considerazione alcuna modifica a quell’accordo.

 

LE PREMESSE E LE BASI DELLA PROPOSTA

Ad Aprile 2017 si dovrebbe chiudere il procedimento di integrazione dell'accordo di programma dello sviluppo dell'Area ex Alfa Romeo (promosso in seguito all'ingresso del Comune di Garbagnate Milanese) .

La procedura la potete seguire e  trovare direttamente qui sul sito della Regione Lombardia.

Dal Documento di Scoping risulta la richiesta della proprietà dell'Area Ex Alfa Romeo di modificare la destinazione d'uso di parte dell'Area per permettere in sintesi:

1) l'ampliamento del Centro Commerciale "il Centro" (lato Viridea)

2) la realizzazione di un nuovo Centro di vendita (probabilmente IKEA) nell'area dell'ex autosilos

3) la realizzazione di una terza struttura di vendita (su parte di area parcheggio expo da 10.000 posti)

4) la realizzazione di una pista da sci al coperto (su parte di area parcheggio expo da 10.000 posti)

5) una serie di interventi non meglio precisati (sempre su parte dell'area del parcheggio Expo da 10.000 posti)

Come Passaparola, abbiamo presentato le nostre osservazioni entro il termine del 31 gennaio 2017. 

In quella sede abbiamo richiesto di inserire nell'accordo di programma l'impegno dell'operatore privato a progettare, finanziare e realizzare (eventualmente in accordo e collaborazione con gli altri enti territoriali coinvolti - città metropolitana, Regione Lombardia) una Metro-filo-Tranvia in grado di collegare L'area EX EXPO con La Stazione FS di Garbagnate Milanese.

Come nostra abitudine la proposta si basa su documenti già approvati ed esistenti.

In particolare:

1) sul PTCP (Piano Territoriale Coordinamento Provinciale) approvato dalla ex Provincia di Milano (ora documento strategico della città Metropolitana) (qui) dove risulta già inserita la previsione del tratto in oggetto su rotaia (segnato in rosso nella cartina qui sotto)

2) sul PUM (piano Urbano della mobilità) del Comune di Arese  (qui) dove (seguendo il tratto inserito nel PTCP) risulta lo sviluppo di quelle che potrebbero essere le fermate di quel collegamento di trasporto leggero  in sede fissa (in giallo qui sotto)

Il servizio potrebbe inoltre rendesi utile per il collegamento interno dell'area EX EXPO in quanto l'ex decumano dovrà essere connesso con un moderno sistema di collegamento con la fermata MM RHO FIERA . Ovviamente prevedendo una serie di Fermate sarà possibile dare delle risposte all'esigenza di mobilità e di connessione delle frazioni di Mazzo e Terrrazzano, della Zona Industriale di Mazzo, di Arese, Lainate e Garbagnate.

 Inoltre, ulteriori documenti a supporto di questa nostra proposta sono rinvenibili nel programma Regionale della Mobilità e dei Trasporti approvato in data 20 settembre 2016 dalla Regione Lombardia dove è stata prevista la  "riattivazione della Linea Garbagnate - Arese - Lainate" denominata tratta F16 . (quindi il primo tratto che da Garbagnate FS porta ad Alfa Romeo seguendo i binari e le strutture abbandonate da tempo).

Un tratto che tuttavia se non collegato con MM RHO FIERA non riuscirà a colmare la domanda di mobilità della cittadinanza e del territorio in quanto resterà funzionale solo alla fruibilità dell'area EX ALFA  ROMEO (qui una nostra analisi fatta in passato).

 

Altro documento importante è ovviamente il documento con cui è stato promosso l'atto integrativo dell'accordo di programma da parte della Giunta Regionale ove si legge tra gli scopi dell'atto integrativo:

Queste le principali premesse.

Altro documento importante è ovviamente il documento con cui è stato promosso l'atto integrativo dell'accordo di programma da parte della Giunta Regionale ove si legge tra gli scopi dell'atto integrativo:

LA FORZA CONTRATTUALE DEI COMUNI INTERESSATI

Qualsiasi modifica dell'accordo di programma dovrà essere portato in discussione in tutti i consigli comunali dei territori interessati entro 30 giorni dalla conclusione della procedura in sede Regionale (per ora LAINATE, GARBAGNATE e ARESE).

In caso di "non approvazione" da parte anche di uno dei comuni interessati, l'atto integrativo non avrà alcuna efficacia.

Di conseguenza oggi i nostri Comuni hanno una forza contrattuale enorme in quanto senza il loro ok nessuna modifica potrà essere effettuata e alcun centro commerciale, pista da sci, palazzetto dello sport, Ikea o altro potrà essere realizzato.

Per questo chiediamo che l'attivazione di questo servizio su rotaia sia posta dal Comune come "CONDIZIONE" per poter analizzare  qualsiasi variazione all'accordo di programma.

Al fine di evitare di far perdere soldi e tempo ai privati sia reso pubblico e chiarito ufficialmente dalle forze politiche di maggioranza e di opposizione, da sindaco e assessori, che se non sarà inserito questo progetto nell'accordo di programma (con tempi, finanziamenti e progetti) nessuna modifica all'attuale accordo sarà considerata e troverà sicuramente la bocciatura in sede di consiglio comunale.

 

 Passaparola

 (Scarica e stampa il nostro volantino)

 

 

 

L'intervista al Sindaco

La nostra risposta

 

 

 

- Ci sono momenti in cui occorre mettere da parte differenza, individualità o appartenenze politiche per informare la cittadinanza. E questo è il momento -